In caso di emergenza medica, respiratoria o di altro tipo, chiamare immediatamente il numero di telefono di emergenza del proprio paese o il medico. Assicurati di dire loro di qualsiasi esposizione che potresti avere dovuto a COVID-19.

Per ridurre il rischio di contrarre e / o diffondere COVID-19, seguire queste linee guida pubblicate:

  • Igiene sana: OMS
  • Suggerimenti per gli operatori sanitari: OMS
  • Suggerimenti per le persone a rischio più elevato di malattia grave: Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie
  • Diritti, ruoli e responsabilità degli operatori sanitari, comprese le considerazioni chiave per la sicurezza e la salute sul lavoro: OMS

Ventilatori della classe di terapia intensiva (ICU) progettati con estrema precisione.
Il database che abbiamo creato qui non è ufficiale, né è gestito dalle aziende che producono i dispositivi. Questo sito mira a centralizzare le competenze e le informazioni sui fornitori e sull'offerta per aiutare in questa crisi.

Aggiornato il 28 marzo 2020
(fonte)

Nota le modifiche alle specifiche con rapporti BPM e I: E aumentati. La regolazione di uno di questi parametri può influenzare l'altro, poiché a un BPM più elevato, il volume corrente è generalmente ridotto. Consultare un medico.

Dalla Guida clinica questo documento riassume la serie minima di requisiti per la ventilazione:

  1. I pazienti devono essere sotto la gestione di un medico qualificato.
  2. I parametri minimi controllabili per ventilare un paziente includono:
    1. Frequenza respiratoria (RR) (respiri al minuto): tra 8 - 40
    2. Volume corrente (TV) (volume d'aria spinto nel polmone): tra 200 - 800 mL in base al peso del paziente
    3. Rapporto I / E (rapporto inspiratorio / tempo di scadenza): si consiglia di ricominciare 1: 2; meglio se regolabile tra 1: 1 - 1: 4 *
    4. Assistere la pressione di rilevamento. Quando un paziente cerca di ispirare, può causare un tuffo nell'ordine di 1 - 5 cm H2O, rispetto alla pressione PEEP (non necessariamente = atmosferica).
  3. La pressione delle vie aeree deve essere monitorata
    1. Pressione massima dovrebbe essere limitato a 40 cm H.2O in ogni momento; Pressione al plateau dovrebbe essere limitato a max 30 cm H2O
    2. L'uso di a valvola di scarico meccanica passiva fissato a 40 cm H.2O è fortemente raccomandato
    3. Il medico richiede letture della pressione al plateau e PEEP (consultare la scheda della documentazione clinica)
    4. PEEP di 5-15 cm H2O necessario; molti pazienti hanno bisogno di 10-15 cmH2O
  4. Le condizioni di errore devono consentire la conversione in sostituzione manuale del medico, cioè se la ventilazione automatica non riesce, la conversione in ventilazione immediata deve essere immediata.
  5. La ventilazione nell'aria ambiente è meglio di nessuna ventilazione. La miscelazione della miscela di ossigeno e aria-gas per regolare FiO2 non è importante in uno scenario di emergenza. È certamente bello avere questa capacità e può essere facilmente implementato con un frullatore di ossigeno / gas che alcuni ospedali già possiedono.
  6. COVID-19 può essere aerosolizzato (disperso nell'aria), quindi Filtrazione HEPA sull'espirazione del paziente è necessario o tra l'unità di ventilazione e il paziente (all'estremità del tubo endotracheale) per proteggere il personale clinico da determinate infezioni. I filtri HEPA in linea possono di solito essere acquistati insieme ai sacchetti per rianimatore manuali.
  7. Lo scambiatore di calore e umidità deve essere utilizzato in linea con il circuito respiratorio.
  8. Le condizioni di errore devono provocare un allarme.

Questo è un requisito minimo impostato per l'uso di emergenza. Le apparecchiature progettate per un uso più regolare, anche se per i mercati emergenti, richiederanno funzionalità aggiuntive per essere utilizzate su base regolare. 

* Gamma determinata in base alle impostazioni del ventilatore di diversi pazienti COVID-19 riportate dalle ICU dell'area di Boston

Modalità di ventilazione meccanica non invasive a supporto dei pazienti con ARDS
(Fonte)

Questa pagina tratta della pressione positiva continua delle vie aeree (CPAP) e della pressione positiva biliare delle vie aeree (BiPAP) che sono modalità di supporto ventilatorio non invasivo. È importante sottolineare che le soluzioni basate su maschera non sono sufficienti per i pazienti con insufficienza respiratoria ipossica. Nel migliore dei casi, si tratta di soluzioni temporanee. Entrambe queste soluzioni rischiano di aerosol COVID-19 nell'aria espirata, che, generalmente, non viene filtrata.

CPAP is primarily used to help with oxygenation by applying a constant positive pressure throughout the patient’s respiratory cycle.  It is commonly used for patients with obstructive airway or oxygenation problems. Patients have hypoxic respiratory insufficiency, but they do not yet have respiratory failure.

BiPAP rileva gli sforzi inspiratori ed espiratori del paziente e fornisce una pressione differenziale positiva delle vie aeree per facilitare il lavoro della respirazione. I pazienti che si “stancano” e dimostrano insufficienza respiratoria ipercarbica trarrebbero beneficio da BiPAP su CPAP. Bisogna fare attenzione a identificare il fallimento e l'intubazione.

L'intubazione è necessaria per i pazienti con insufficienza respiratoria perché viene rimosso lo sforzo di respirazione. Il paziente può essere sedato e paralizzato, se necessario, e si possono usare pressioni più elevate per mantenere lo scambio di gas in un polmone malato. Alcuni pazienti possono riprendersi con CPAP e BiPAP, quindi è necessario usare discrezione clinica prima dell'intubazione, ma con ARDS è probabile.

In COVID-19 positive patients, non-invasive mechanical ventilation modalities can certainly be trialed, but careful monitoring for worsening of the patient towards respiratory failure should be diagnosed without delay so that invasive ventilatory therapy can be initiated. Delay and/or failure to provide timely invasive positive pressure ventilatory support can lead to patient self-inflicted lung injury.  See this article. At this point the only solution is invasive ventilation.

Sono disponibili poche informazioni sui requisiti di ritrattamento per le apparecchiature utilizzate nel trattamento dei pazienti COVID-19. Le seguenti informazioni si basano su ricerche condotte su virus simili e su alcuni dati limitati su COVID-19.

Le linee guida pubblicate dalle autorità sanitarie rafforzano la necessità di mantenere le procedure standard di pulizia e disinfezione. Per prevenire la contaminazione incrociata, i filtri antibatterici vengono utilizzati sulle prese d'aria e sui tubi di respirazione e gli accessori dei tubi vengono sostituiti o sterilizzati dal personale in ambito di cura. Vengono fornite istruzioni sui materiali e sul metodo per la pulizia delle superfici. È stato dimostrato che le procedure di disinfezione delle superfici con etanolo 62–71%, perossido di idrogeno 0,5% o ipoclorito di sodio 0,1% riducono l'infettività del coronavirus SARS entro un minuto.

Una macchina CPAP è destinata al trattamento dell'apnea notturna.
I dispositivi CPAP sono progettati per fornire solo PAP (pressione positiva delle vie aeree) e richiederebbero rilavorazioni significative per funzionare come un ventilatore invasivo di classe ICU.

Video Primer - What is the complexity behind the ventilators?

it_ITItaliano
en_USEnglish de_CHDeutsch (Schweiz) fr_FRFrançais es_ESEspañol es_MXEspañol de México etEesti zh_CN简体中文 nl_NLNederlands ja日本語 it_ITItaliano